Obbligo di soccorso animali: come fare?

Soccorrere gli animali feriti è obbligatorio e bisogna chiamare subito il numero nazionale 1515

 

 
Il decreto attuativo che regola l’obbligo per gli automobilisti di prestare soccorso agli animali feriti è entrato in vigore il 27 dicembre 2013.  Questo decreto equipara lo stato di necessità di un animale ferito a quello di una persona, con soddisfazione della LAV (lega anti vivisezione) e dell’ENPA (ente nazionale protezioni animali).
 
Vediamo nel dettaglio come procedere in caso di sinistro.
 
L’automobilista, qualora il suo comportamento rechi danno ad uno o più animali, ha l’obbligo di fermarsi e intervenire tempestivamente per assicurare il soccorso.
 
Ma cosa fare concretamente?
Occorre per prima cosa contattare il Servizio Veterinario della ASL di competenza del territorio e all’occorrenza chiamare anche il numero nazionale 1515 a cui risponde il Corpo Forestale.
Solo nel caso in cui si assiste ad una omissione di soccorso occorre far intervenire anche la Polizia di Stato o i Carabinieri. In questo frangente è anche necessario raccogliere prove quali il numero di targa del veicolo, fotografie e testimonianze scritte di chi ha assistito.
 
Le eventuali spese veterinarie per l’animale ferito risultano a carico di colui che viene stabilito essere il responsabile.
Per quanto concerne il trasporto può essere effettuato dai privati ma comunque il Codice della strada prevede l’utilizzo dei mezzi di soccorso anche per gli animali.
Il decreto dunque è arrivato, bisogna ora aspettare che le Regioni e i singoli Comuni intensifichino i loro compiti di intervento al fine di farlo rispettare nel modo migliore possibile.