Crea/Mostra Contenuto Crea/Mostra Contenuto

Auto e olio per il motore: come sceglierlo e quando cambiarlo

L'olio del motore va cambiato regolarmente tenendo conto delle caratteristiche dell'auto
 
L’olio con cui lubrifichiamo il motore della nostra auto deve essere un olio di buona qualità in modo da poterlo proteggere dall’usura e dall’accumulo di sporco  e garantire così sempre delle buone prestazioni.
Il cambio dell’olio è importante e non va trascurato, per poter scegliere quale utilizzare occorre tenere presenti alcune sue proprietà in modo da adattarlo meglio alle caratteristiche dell’ auto.
 
Per prima cosa occorre distinguere tra olio sintetico e olio minerale. Il primo deriva da un costoso processo chimico e viene aggiunto di additivi che ne migliorano le prestazioni; l’olio minerale invece deriva dalla raffinazione del petrolio greggio.
Come regola generale si può dire che chi vive e guida in città dovrebbe utilizzare un olio semi sintetico; un olio sintetico è più adatto ad una guida su tragitti più lunghi mentre quello minerale va bene quando non sono richiesti frequenti cambi di velocità.
 
In secondo luogo bisogna tenere conto della viscosità, cioè del grado di densità dell’olio. Un olio più fluido va meglio per le basse temperature, mentre chi abita in zone calde potrà optare per un olio che lo sia meno. 
 
Indipendentemente dalla scelta, il cambio dell’olio è consigliabile sempre con regolarità.
Sulle auto di nuova generazione se diesel va fatto il cambio dopo circa 30.000 Km; se a benzina dopo circa 15.000 km.
Per le auto un po’ più datate si consiglia il cambio ogni 10.000 Km.
Associare al cambio dell’olio anche quello del filtro è una buona abitudine che aiuta a mantenere in efficienza più a lungo il motore.