Bonus/malus: incentivi per auto meno inquinanti

contributi per favorire l'acquisto di auto meno inquinanti
 
 
Per l’Italia il 2014 potrebbe essere l’anno che smuove il mercato delle auto, mercato che viaggia a rilento da qualche anno. Il modello a cui si guarda è quello adottato in Francia: il meccanismo bonus-malus noto per le assicurazioni applicato agli incentivi per l’acquisto di nuove automobili. In sintesi i bonus malus sono calcolati in percentuale sul prezzo di acquisto in base alle emissioni di CO2 per cui è omologato il veicolo.
 
I contributi hanno lo scopo di favorire l’acquisto di auto meno inquinanti che devono essere ad alimentazione alternativa.
Secondo questo meccanismo chi inquina di più paga di più e chi inquina di meno paga di meno, in questo modo si ha una sorta di autofinanziamento che non dovrebbe pesare sui conti dello Stato.
 
Ad oggi non si conosce esattamente la data dalla quale saranno disponibili gli incentivi auto; ma conviene comunque prestare attenzione alla partenza dell’iniziativa per evitare che si esauriscano in fretta e non poterne quindi approfittare!